giovedì 7 ottobre 2010

LAPISLAZZULI



LAPISLAZZULI


LAPISLAZZULI

Classe minerale: Tettosilicati
Formula chimica: (Na,Ca)8[(SO4/S/Cl)2/(AlSiO4)6] + Fe
Sistema cristallino: cubico
Processo litogenetico: terziario
Colore: Azzurro scuro intenso. Non è uniforme a causa delle presenza di altri materiali come la pirite e la calcite. Le "macchie" possono essere bianche, grigio chiaro o scuro, dorate

Per esprimersi al massimo

Il Lapislazzuli era molto usato nell’antico Egitto, si riteneva che il suo blu profondo fosse il colore dei Re e che la sua luce cosparsa di punti dorati mettesse in connessione con il divino. La polvere di Lapislazzuli veniva impiegata per tingere le stoffe destinate al Faraone, e anche in medicina per combattere i disturbi mentali e purificare l’anima.

Questa pietra si connette principalmente con il livello mentale, mettendo in contatto chi la indossa con blocchi e traumi del passato. Si raccomanda l'uso di questa gemma per eliminare le vecchie ferite dell'inconscio, abbinandola al Quarzo Rosa o all’Ametista.

Il Lapislazzuli, che come la altre pietre blu lavora sul 5° chakra, favorisce l’espressione di sé, la comunicazione a tutti i livelli, l’eloquenza. Stimola la creatività artistica e la sua espressione. È utile per vincere la timidezza e i sentimenti di inadeguatezza, e per promuovere una maggiore integrazione con gli altri. È inoltre estremamente efficace per favorire la coordinazione tra il pensiero e l'espressione verbale: è raccomandabile a tutti coloro che utilizzano la voce nella loro professione e per vincere il timore di esibirsi in pubblico.

Questa gemma aumenta la potenza del 6° chakra, infondendo chiarezza mentale. È la pietra della saggezza, della verità, dell’integrità, dell’illuminazione. Utile per ricevere l’ispirazione, se si svolge un lavoro di tipo creativo. Si consiglia di porne una sulla scrivania mentre si studia o ai quattro angoli della stanza dove si lavora.

Dal punto di vista fisico potrebbe, sostengono gli esperti dei cristalli, liberare dalla tensione, dalla depressione e dallo stress. È una pietra con qualità maschili che dona vitalità ed energia all’organismo. Sarebbe, quindi, indicata per aumentare la virilità, se questa si riduce a causa di tensione ed ansietà.
La tradizione affida a questa pietra, effetti benefici per la tiroide, la laringe e le corde vocali, e per allieviare i raffreddori allergici. Potrebbe aiutare ad abbassare la pressione se è troppo alta, e a regolarizzare il ciclo mestruale.
È estremamente versatile: la si può portare come ciondolo sul petto, incastonata in un anello, nel taschino della camicia, appesa al polso o semplicemente nella tasca dei pantaloni. In caso di problemi alla gola è bene averla come ciondolo alla base del collo.

Si può usare durante la meditazione, appoggiandola al centro della fronte, per promuovere la chiarezza mentale, il rilassamento, l’ispirazione.
È da preferire la varietà di Lapislazzuli blu intenso con evidenti inclusioni dorate, dato che la sua valenza energetica è più alta di quella del minerale azzurro chiaro.
Per purificarlo usate l’acqua corrente, per ricaricarlo esponetelo alla luce solare.
.
.

.

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti e Blog a prezzi modici visita: www.cipiri.com

LIKE

Share

Post più popolari

Elenco blog AMICI