martedì 5 ottobre 2010

DIASPRO




DIASPRO


DIASPRO

Classe minerale: ossidi, gruppo dei quarzi
Formula chimica: SiO2 + Fe, O, OH, Si
Sistema cristallino: trigonale
Processo litogenetico: secondario
Colore: rosso, bruno, verde, giallo e multicolore

In connessione con la Natura

Il Diaspro è una varietà di Calcedonio, compatto e opaco, e si può trovare di un unico colore, anche se più spesso è multicolore, variegato, con macchie e disegni. Questo minerale ha un’energia che riguarda prevalentemente il campo fisico.
Connette con la natura in ogni sua forma, e regala quelle energie che si ottengono solo vivendoci a profondo contatto. Ci insegna che la Terra è nostra madre e può sostenerci e fornirci tutto ciò di cui abbiamo bisogno.
Nei suoi scritti, Santa Ildegarda lo consiglia per migliorare l’udito, per curare un eccesso di muco nasale e come protezione per le donne che hanno appena partorito.

Vi sono moltissime varietà di questo minerale, ognuna con caratteristiche specifiche che agiscono in sintonia con i diversi chakra, secondo il loro colore.

Il diaspro rosso
Lavora sul 1° e sul 2° chakra, porta radicamento e solidità nella nostra vita. È una pietra che ci fa sentire con i piedi ben poggiati al suolo. Connettendoci alla terra, dona creatività ed è utile agli artisti che lavorano con materiali solidi, come artigiani e scultori. Questo cristallo infonde forza e coraggio, vitalità e spirito di iniziativa. È una pietra sacra per gli Indiani d’America, che la usano come protezione dalle energie dissonanti. Infatti le allontana e protegge dalle persone che sottraggono energia vitale. Utile indossarla in presenza di chi tende a sopraffarci.
Secondo la tradizione, per quanto riguarda la parte fisica, grazie al suo contenuto di sali minerali, e stimolerebbe la circolazione di energia nell’organismo.
Per la pulizia si consiglia il metodo del vaso di fiori o il sale. Si ricarica alla luce del sole.

Il diaspro giallo
Dona gioia di vivere e solarità. Secondo gli esperti di cristalli, agirebbe sul 3°chakra, perciò aiuterebbe gli organi della digestione. Rispetto ad altre pietre in sintonia con questo centro energetico, come Citrino, Topazio o Peridoto, presenta una vibrazione più fisica. Favorisce l’intuizione e aiuta la mente, stimolando la capacità di prendere decisioni. Rende tenaci.
Per purificarlo si consiglia l’acqua correnteo il metodo del sale. Si ricarica alla luce del sole.

Il diaspro verde
Dona calma e serenità. Per il suo colore è in sintonia con il 4°chakra, o chakra del cuore. Rilassa la mente, dona atteggiamenti e pensieri positivi.
Dal punto di vista fisico sarebbe molto benefico per le funzionalità del fegato, come lo sono altre pietre verdi quali lo Smeraldo, la Malachite, il Peridoto. Sarebbe disintossicante e antinfiammatorio.
Per la purificazione si consiglia il vaso di fiori o il metodo del sale, si ricarica alla luce indiretta del sole o a quella della luna.

Il diaspro, in generale, si può indossare come ciondolo o bracciale, o applicare direttamente sulla zona da trattare. Per protezione, si può collocare negli ambienti o portare in tasca o nella borsa.

Proprietà di trasformazione: si tratta di un potente risanatore fisico, in grado di stimolare il movimento della kundalini, unendo il primo chakra con il quarto (quello del cuore);il diaspro sanguigno e eliotropico, oltre a rappresentare un’importante guid...a interiore, acuisce il corretto altruismo e l’idealismo: è considerato un minerale nobile, altamente evoluto. Proprietà terapeutiche:il diaspro sanguigno e eliotropico, consente di rafforzare e ossigenare il flusso sanguigno, migliorando la vitalità fisica e mentale. Per quanto concerne gli organi, è in grado di rendere più attivi il cuore, la milza (oltre ad altre parti del corpo come l’intestino), le ossa del midollo e aiuta a bilanciare la mancanza di ferro. Riduce lo stress mentale ed emozionale. Descrizione:il diaspro sanguigno e eliotropico è un biossido di silicio della famiglia dei quarzi (gruppo dei calcedoni), sistema a piccoli cristalli. Aspetto: da quasi opaco a opaco, viene così chiamato nella versione contraddistinta da colori giallo con riflessi bruno o rosso del crisoprasio, appartenente alla famiglia del calcedonio. Storia: Non a caso il termine greco “cristallo” significa ghiaccio. Dalle popolazioni dell’Estremo Oriente il diaspro sanguigno era considerato una pietra in grado di aumentare la percezione delle energie sottili – cioè quelle che collegano l’essere umano all’Universo – e di incrementare la preveggenza, soprattutto la previsione di eventi atmosferici particolarmente distruttivi. Provenienza: grandi quantità di diaspro sanguigno provengono dall’Uruguay e dalle confinanti regioni del Brasile, ma se ne trova in molti altri luoghi, anche in Italia. Posizione: chakra I e IV

.
.

.

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti e Blog a prezzi modici visita: www.cipiri.com

LIKE

Share

Post più popolari

Elenco blog AMICI