domenica 22 luglio 2012

Sole e Luna: le Maree


Le Maree 

Quasi tutti sono consapevoli del ruolo che la gravità gioca nelle nostre vite. Non solo rimanere con i piedi ben piantati per terra, ma mantiene anche ordine nel sistema solare. Le forze gravitazionali associati con il Sole ed i pianeti interagiscono per descrivere le orbite che ci è familiare, così come la conservazione della Luna intrappolato in orbita intorno alla Terra. Queste forze non sono solo limitati a gestire la dinamica dei corpi celesti, tuttavia. Gravity ha anche una influenza più direttamente osservabili sul nostro pianeta. In particolare, le forze gravitazionali sono responsabili per l'ascesa e la caduta delle maree degli oceani di tutto il mondo.

I due agenti principali per quanto riguarda il movimento del mare sono il Sole e la Luna. Dal momento che l'influenza gravitazionale di un oggetto è direttamente collegata alla sua massa, il Sole ha un indubbio vantaggio al settimo cielo quando si tratta di forza delle sue forze. Tuttavia, poiché il Sole è oltre 380 volte più lontano dalla Terra, della Luna, la massa più piccola in orbita intorno a noi è in grado di esercitare i suoi effetti su di noi molto più sostenuto rispetto alla stella ( sole ).

La chiave quando si tratta di capire come il lavoro maree è quello di capire il rapporto tra il movimento del nostro pianeta e la sua luna. Sia la Luna e la Terra sono costantemente in movimento attraverso lo spazio. Poiché la Terra ruota sul proprio asse, l'acqua è mantenuta in equilibrio su tutti i lati del pianeta per forza centrifuga. Le forze gravitazionali della Luna sono abbastanza forti da sconvolgere questo equilibrio, accelerando l'acqua verso la Luna. Questo fa sì che l'acqua a 'bulge'. La rotazione della Terra causa un rigonfiamento simpatico sul lato opposto del pianeta. Le aree della Terra dove il rigonfiamento si verifica l'alta marea l'esperienza, e gli altri sono soggetti ad una bassa marea. Tuttavia il movimento della Luna intorno alla Terra significa che gli effetti delle sue forze sono in movimento pure, e come circonda il nostro pianeta, questo rigonfiamento si muove con esso.

L'altezza delle maree può variare nel corso di un mese, dovuto al fatto che la Luna non è sempre alla stessa distanza dalla Terra. Poiché l'orbita della Luna porta a una maggiore vicinanza al nostro pianeta (distanza più vicino all'interno di un ciclo lunare è chiamato perigeo), le sue forze gravitazionali possono aumentare di quasi il 50%, e questa forza più forte porta ad alte maree. Allo stesso modo, quando la Luna è più lontana dalla Terra (distanza più lontano si chiama apogeo), le maree non sono così spettacolari.

L'influenza della Luna può anche essere bilanciato dalla posizione del Sole - se il Sole e la Luna si trovano a 90 gradi l'una dall'altra in relazione ad un osservatore sulla Terra, allora alte maree non sono così elevate come avviene normalmente sarebbe. Questo perché nonostante la sua maggiore distanza dal pianeta, la massa del Sole permette di esercitare una forza gravitazionale abbastanza sugli oceani che può negare alcuni degli effetti del tiro della Luna. Questo fenomeno delle alte maree più basse si chiama una marea Neap. Allo stesso modo, quando il Sole si allinea con la Luna e la Terra, come durante la luna piena, il Sole può agire per amplificare le forze di marea, attingendo maree ancora più elevati. Questi sono conosciuti come le maree primaverili, dal nome non per la stagione, ma per il fatto che l'acqua "molle" superiore al normale. La varianza in altezza delle maree del mondo dipende anche dalla geografia locale della costa e la topografia del fondale oceanico.

Le maree si verificano regolarmente, nel senso che ci si può aspettare due volte al giorno, ma i loro periodi non coincidono con la giornata di 24 ore che usiamo per il nostro calendario. Questo perché la Luna impiega poco più di 24 ore per allinearsi nuovamente esattamente con lo stesso punto sulla Terra - circa 50 minuti in più. Pertanto, i tempi di alte maree è scaglionata nel corso di un mese, con ogni marea, a partire circa 24 ore e 50 minuti dopo rispetto a quello prima.

.

LEGGI TUTTO 






.

.


IMAGO 

Termine introdotto da C.G. Jung (1875-1961), con riferimento a un’Imago ‘materna’, ‘paterna’, ‘fraterna’ e divenuto di uso comune in psicanalisi. Caratterizzata come ‘rappresentazione o immagine inconscia’, l’Imago è piuttosto uno schema immaginario, un prototipo inconscio che orienta in maniera specifica il modo in cui il soggetto percepisce l’altro, ne orienta cioè le proiezioni. Formatasi sulla base delle prime relazioni del bambino con l’ambiente familiare, l’Imago non va peraltro considerata come correlato di figure reali, ma presenta carattere fantasmatico; così a un’Imago genitoriale minacciosa e terribile possono corrispondere genitori reali estremamente miti...leggi tutto -

 Pagina delle IMAGO 

 http://mundimago.org/imago.html





Le 12 costellazioni dello Zodiaco, che si trovano lungo l'eclittica, 
e vengono quindi percorse dal Sole nel suo moto apparente sulla volta celeste durante l'anno ...QUI - http://www.mundimago.org/costellazioni.html



.

LEGGI TUTTO SULLE STAGIONI
METEOROLOGICHE
ED 
ASTRONOMICHE

.

SITO INTERNET
CHE SI PROPONE DI 
ESPANDERE
IL 
LAVORO CREATIVO


.





LE
IMAGO
DICONO
LA 
VERITA'







.
GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO




. Bookmark and Share .

lunedì 16 luglio 2012

Quando diciamo “mi piace”



I LIKE IT

E’ la frase diventata molto popolare in rete per esprimere gradimento; certo, questa frase in genere viene utilizzata in modo “superficiale”, senza un approfondimento, più per “partecipare” alle cose che vengono espresse sui social network.
Quando diciamo “mi piace” in realtà esprimiamo qualcosa di importante che riguarda i nostri precisi gusti che, astrologicamente, sono legati al pianeta Venere.
Venere è la regina del “gusto”, uno dei cinque sensi, forse quello più sofisticato insieme al tatto, sempre legato a questo archetipo.
Il gusto è legato al segno del Toro che governa la bocca e le papille gustative, mentre il tatto è riferito alla sua sede Bilancia e passa infatti attraverso la pelle che è dotata di estrema sensibilità.
Dal gusto nasce  la capacità di conoscere ciò che piace; infatti, ciò che incontra i nostri gusti incontra anche il nostro piacere personale e, da essi, impariamo a discernere ciò che è piacevole da ciò che non lo è. Quando si è piccoli tutto passa attraverso la bocca e, in questo modo, iniziamo a formarci i nostri personali “gusti”.
Sembrerebbe quindi naturale sapere esattamente cosa piace mentre, in realtà, molte persone incontrano difficoltà nel definirlo e, di conseguenza, faticano a scegliere cosa portare nella vita.
Venere è il secondo pianeta personale ed è delegata a scoprire cosa piace e cosa conta per noi, cosa desiderare al fine di ottenere gratificazione proprio perché, ciò che incontra i nostri gusti, porterà soddisfazione e benessere mentre, ciò che non piace, tende a portare frustrazione e insoddisfazione. Più che altro, ciò che non è in linea con il nostro senso di piacere interno, finisce per togliere valore a noi stessi e alle nostre azioni.
Per un bambino è assolutamente normale ed istintivo accogliere ciò che piace e rifiutare ciò che non piace, tuttavia, i pianeti personali sono anche quelli più sottoposti ai canoni educativi giacchè sono i primi che incontriamo a partire dal momento della nascita.
Chiaramente, i gusti vanno educati ma non dovrebbero essere “distorti o addirittura cambiati”; tuttavia, nella primissima parte della nostra vita, tendiamo ad essere sollecitati ad adattarci a ciò che ci viene proposto anche se, alcune cose non sono esattamente ciò che desideriamo.
Venere nel tema natale rappresenta anche altri bisogni tra cui quello di essere accettati ed amati giacchè questi due ingredienti diventano prioritari per la sopravvivenza per cui, è abbastanza facile per un genitore premere sui gusti del bambino ma, soprattutto, cercare di distoglierlo da ciò che non incontra i suoi gusti e, in seguito, i suoi valori personali.
In pratica, un bambino, può adattarsi ed accogliere anche ciò che, istintivamente non sceglierebbe mai anche se, in questo modo, giorno dopo giorno, può arrivare a stravolgere i suoi gusti, accettando ciò che non gli è proprio ma che può garantirgli l’accettazione da parte degli adulti. Nel tempo si può addirittura perdere contatto con il nostro interno e quindi desiderare qualcosa che, in realtà, non ci porterà da nessuna parte.
E’ comune incontrare persone adulte che non sono affatto sicure dei loro gusti e che, pertanto, sono indecise sulle scelte da adottare perché non sanno cosa effettivamente desiderano in quanto si sono assestate su ciò che “comunemente” viene considerato “buono o bello”.
Venere è facilmente preda di gusti estranei e, soprattutto, di valori sociali che possono portare un soggetto ben lontano da ciò che gli appartiene realmente.
Quando si è adulti questo può diventare un problema in quanto, è proprio dai gusti e da ciò che piace realmente che possiamo accedere ad una vita piena in quanto sapremo scegliere ed attrarre ciò che è buono per noi, senza grandi rimpianti per ciò che, inevitabilmente, dovremo lasciare.
E’ quindi da ciò che incontriamo nella Venere Toro (II casa) che potremo un giorno avventurarci nella più matura Venere Bilancia (VII casa) preposta, oltre alla relazione con gli altri, anche alla scelta.
Se Venere non può esprimersi nei suoi aspetti più autentici e luminosi, finisce per farci sperimentare solamente i suoi lati ombra il che non è gratificante per noi in quanto, buona parte di ciò che porteremo nella nostra vita non servirà ad aumentare il nostro valore e non ci rassicurerà. Quando ci si trova in questa situazione, si coltiva l’insoddisfazione in quanto si finisce per inseguire obiettivi e coltivare desideri che non ci appartengono e il tutto continuerà fino a quando l’insoddisfazione raggiungerà livelli così elevati da costringere a rivedere le cose. E’ a quel punto che si correrà ai ripari per comprendere cosa si è distorto dentro di noi al punto da non consentirci di godere del risultato dei nostri sforzi.
Il collegamento con Venere ci porta a darci valore, a “gustare” appieno la vita e non svendere mai sé stessi e i propri valori in cambio di palliativi che non ci renderanno mai felici. Venere non ama assolutamente “accontentarsi”; il mito sottolinea che sceglieva sempre il meglio per sé e che non si curava  dell’accettazione degli altri. Il mito è molto chiaro in questo: è sempre lei a scegliere e non permette a nessuno di sceglierla il che sottolinea che, pur essendo un pianeta femminile, è dotata di energia attiva e non è mai passiva e neppure accetta supinamente che sia qualcuno a scegliere e a decidere per lei.
In pratica lei sceglie dopo di che attrae a se’ ciò a cui dà valore e, in cambio, aumenta il suo valore personale.
Mai come in questo periodo sarebbe opportuno per ognuno di noi recuperare un buon rapporto con Venere perché, la perdita di valori autentici e il conseguente aggancio con quelli effimeri stabiliti dal mondo esterno e da chi ha tutto l’interesse di farci acquistare cose che solo apparentemente soddisferanno i nostri bisogni, porta spesso a vivere affaticati, alienati da sé, cosa  che, nel tempo, può condurre ad una perdita di interesse e ad un senso di disvalore a dir poco deprimente.
Sapere cosa si vuole, che si tratti di un vestito, di un pezzo di arredamento per la casa o di una persona è dunque importante per ottenere gratificazione ma anche conoscenza; infatti, solo quando c’è una perfetta corrispondenza tra i gusti interni e la ricerca esterna ci sentiremo forti e aumenterà il nostro personale senso di identità.
Venere è un pianeta personale che ci aiuterà, attraverso il desiderio, ad attrarre proprio ciò che ci serve e che ci consentirà di allineare comportamenti e obiettivi ai valori di fondo.
L’astrologia ci offre  buone possibilità di comprendere cosa ha in mente Venere per noi in quanto, proprio la sua posizione nel tema natale e, soprattutto, il segno in cui si viene a trovare potrà suggerirci a cosa dobbiamo avvicinarci per ritrovare un contatto con l’archetipo.
Laddove ci sono quadrature e opposizioni dovremo però soffermarci a comprendere dove siamo stati depistati, dove abbiamo fatto esagerati compromessi al punto da aver perso la bussola senza più riuscire ad orientarci.

Gli aspetti dinamici rappresentano ciò che abbiamo incontrato sul nostro cammino nel momento in cui stavamo facendo le prime esperienze in questo campo; è in quel momento che possiamo esserci distratti in quanto, il bisogno di amore e di riconoscimento, può averci convinti ad accettare prima e a trasformare poi ciò che ci piaceva in cambio della gratificazione di quei bisogni primari per ottenere i quali abbiamo “tradito noi stessi e la nostra verità” rispondendo nel modo in cui gli altri si aspettavano. E’ così che abbiamo imparato a mostrare un’immagine di noi, diversa dall’essenza.
Se Venere tocca Saturno, forse abbiamo dovuto ignorare e quasi sopprimere i nostri gusti perché abbiamo compreso che non erano “adeguati” a ciò che ci veniva richiesto; in genere questo è frutto di un’educazione troppo rigida finalizzata a bloccare il piacere in favore del “dovere” e della “morale”;
se Venere è  in relazione a Urano possiamo aver dovuto costantemente stupire per ottenere attenzione da un ambiente un po’ distratto e questo può aver portato il soggetto a continuare su questa strada, trovando eccitazione nelle novità fino ad abbandonare ciò che era autentico;
se Venere si lega a Nettuno ciò che ci piaceva poteva essere abbastanza fuori dalla nostra portata e, in questo modo, si è iniziato a desiderare tutto ciò che non è presente e che è difficile da ottenere;
se invece Venere è in aspetto a Plutone possiamo star certi che abbiamo dovuto contrabbandare e tradire i nostri valori e i nostri gusti assestandoli su quelli altrui nel tentativo di sedurre gli altri per poi ottenere, indirettamente, ciò che volevamo; in questo modo spesso si perde completamente contatto con ciò che sta all’interno e si cerca sempre di capire cosa è buono per gli altri. 
Per ritornare in collegamento con Venere sarà dunque importante partire dal segno in cui essa si trova nel tema natale per ritornare a ricontattare i nostri gusti, sollecitandoli fino a riconoscerli per poi scegliere e attrarre ciò che è meglio per noi.

a cura di Lidia Fassio
.
.

.

giovedì 5 luglio 2012

PAURA DELLA FINE DEL MONDO: profezia dei Maya



LA PAURA DELLA FINE DEL MONDO - Apparentemente non ci sarebbe nulla di cui preoccuparci ma per molti la fine del mondo è sempre più vicina. D’altronde, la storia è piena di esempi del genere, a partire dall’anno 1000, quando tutto doveva cessare di esistere, per non parlare del 2000 e del Big Bang. Adesso c’è il 2012, con la profezia del Maya che ipotizza un nuovo inizio grazie alla venuta di un re che sarebbe riuscito a dipanare la linea del tempo e a portare una nuova era di pace.



Vera o finta che sia, la profezia dei Maya sulla fine del mondo fa discutere tutti da più di un anno. In particolare, da qualche giorno è tornata alla ribalta perché sono stati resi noti alcuni dipinti e incisioni Maya scoperti da un team di archeologi statunitensi a La Corona, in Guatemala. Le iscrizioni trovate riguardano la fine del mondo e riportano anche la data, il 21 dicembre 2012, una conferma delle teorie espresse in precedenza.

IL RITROVAMENTO - Gli archeologi avrebbero fatto il ritrovamento nei pressi di una statua di pietra. Marcello Canuto, direttore degli scavi e direttore della Tulane American University, ha però precisato: “Più che della profezia, il testo fa riferimento alla storia politica” e le incisioni racconterebbero il ritorno del re Maya Yuknoom Yich’aak K’ahk, noto come “zampa del giaguaro”. Secondo la storia, nel 696 a.C., il regno Maya attraversava un momento di grande agitazione politica; così il sovrano, per rassicurare il suo popolo, che credeva nell’imminente fine del mondo, disse che non c’era nulla da temere, perché la fine dei tempi sarebbe arrivata molti anni dopo, appunto nel 2012. Come spiega infatti un altro archeologo che ha preso parte allo scavo, David Stuart dell’Università del Texas, si sarebbe trattato solo di un tentativo del sovrano di calmare la propria gente. E’ stato proprio Stuart a decodificare il riferimento al 2012 sui 56 geroglifici scolpiti su un blocco di pietra.

I maya : mai prevista la fine del mondo, inizierà una nuova era

A Iximchè le comunità Maya festeggiano il nuovo anno e spiegano: “mai prevista la fine del mondo, inizierà una nuova era”
leggi anche
http://cipiri13.blogspot.it/2012/04/i-maya-mai-prevista-la-fine-del-mondo.html


.
.

.

LIKE

Share

Post più popolari

Elenco blog AMICI

  • Pubblicità: Grande Fratello del Consumo - *Pubblicità: * *l’omino del Supermercato ci svela* * il Grande Fratello del Consumo* L’omino del Supermercato nel video pubblicitario, si accorge di un ba...
  • Siamo Single - Quando regalerai un fiore ricorda....dovra' profumare di te...del tuo amore...avere il colore delle tue attenzioni e la grandezza del tuo rispetto...ma r...
  • MAGNESIO - MAGNESIO: il minerale che aiuta a curare quasi tutto E’ lo scarto del sale, ma è indispensabile per l’attività di oltre 300 enzimi e svolge un ruolo fonda...
  • Privacy Policy e Google Analytics - Google ha iniziato ad apportare alcune modifiche alla funzionalità di Remarketing di Google Analytics, arricchendola con le informazioni e i dati cross-d...
  • Scoperti altri ESOPIANETI - L’annuncio della scoperta degli esopianeti è una delle notizie scientifiche più importanti degli ultimi anni. I sette nuovi esopianeti, con dimensioni p...