martedì 28 settembre 2010

ACQUAMARINA

.

ACQUAMARINA


ACQUAMARINA

Classe minerale: ciclosilicati
Formula chimica: Be3Al(Si6O18) + K, Li, Na, + (Fe)
Sistema cristallino: esagonale
Processo litogenetico: primario
Colore: verde-azzurro

La gemma del benessere e della tranquillità

L’Acquamarina è, come lo Smeraldo, una varietà di Berillo e il suo tipico colore è dovuto alla presenza di tracce di ferro.
Le tradizioni popolari le conferiscono la facoltà di discernere il vero dal falso, e di saper donare buona memoria e benessere a chi la indossa.

Questa bella gemma, agendo sul 6°chakra, produce un effetto calmante sulla mente, portando tranquillità e pace e “lavando via” ansia e pensieri negativi.
Lavorando sul 6° chakra favorisce la crescita interiore, dona chiarezza di idee e fiducia di portare a termine tutto ciò che si intraprende.

Inoltre questo cristallo, come tutti quelli blu-azzurri lavora sul 5° chakra. In particolare stimola l’espressione creativa, la capacità dialettica e permette di esprimere apertamente i propri pensieri. Porta dolcemente equilibrio nelle emozioni.
Si dice che protegga durante i viaggi in barca o in nave e che attenui i sintomi del mal di mare.

Secondo la tradizione, dal punto di vista fisico, purificherebbe il sistema nervoso e avrebbe effetti benefici per gli occhi. Andrebbe posta su questi durante il rilassamento per alleviarne stanchezza e rossori.
Regolerebbe, inoltre, la funzionalità di ipofisi, tiroide e reni, influenzando positivamente la crescita e l’equilibrio ormonale. Per questo, e per la sua vibrazione dolce, gli esperti dei cristalli la consigliano ai bambini. Attenuerebbe, inoltre, l’eccessiva reattività del sistema immunitario, per cui, tradizionalmente, si usava in caso di allergie legate all’apparato respiratorio.

Si può portare come ciondolo, come anello al dito mignolo (che corrisponde al 5°chakra), come altro monile oppure posata semplicemente sul corpo. Può essere tenuta addosso per lunghi periodi. È un cristallo ottimo da usare durante la meditazione, posta sul 5°chakra per indurre il rilassamento o sul 6° per connettersi con stati profondi di consapevolezza.
Si purifica sotto l’acqua corrente, si ricarica ai raggi della luna.

Proprietà di trasformazione: l’ acquamarina è in grado di purificare il corpo, aumentando la chiarezza mentale e aiutando pertanto la propria, espressione creativa; si tratta di un importante equilibratore fisico, emozionale e mentale; aiuta inoltre ad affrontare le paure e le fobie. Eccellente per la meditazione, ispira grande pace, portando calma e amore.

Proprietà terapeutiche: l’ acquamarina rafforza essenzialmente organi come il fegato, la milza, i reni e la tiroide, riducendo inoltre la ritenzione dei liquidi. Altre sue proprietà sono quelle di calmare i nervi e di prevenire le forme cancerogene della gola; apre le vie respiratorie con effetto balsamico.

Descrizione: l’ acquamarina è un silicato di berillo e allumini, caratterizzato da sistema esagonale con prismi.

Aspetto: il colore più pregiato è senz’altro l’azzurro cielo intenso, ma può essere anche il colore il colore azzurro più tenue, azzurro con sfumature verde.

Storia: l’ acquamarina da cui si traeva una serie di veri e propri amuleti che venivano indossati a scopo protettivo o come portafortuna da pescatori e marinai un po’ a tutte ‘e latitudini ma soprattutto dagli Inuit (comunemente conosciuti come Eschimesi).

Provenienza: l’ acquamarina proviene essenzialmente dai giacimenti del Brasile, dove sono stati ritrovati cristalli di diversi chilogrammi di peso. Altri luoghi di estrazione si trovano in Russia (monti Urali e Siberia), nel Madagascar e negli Stati Uniti. Occasionalmente si è rinvenuta anche in Italia, nell’isola d’Elba.

Posizione: chakra II, III e IV


.
.

.

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti e Blog a prezzi modici visita: www.cipiri.com

LIKE

Share

Post più popolari

Elenco blog AMICI